Di che cosa è fatto il Velluto?

Pubblicato da Bianca Novelli il

Morbido, caldo e lucente, il velluto è spesso utilizzato nelle collezioni invernali di molti marchi noti. Attualmente di gran moda, è caldo, morbido e lucente, e conferisce a ogni capo un tocco di eleganza.

Ma di che materiale è fatto questo splendido tessuto?

Il velluto è un tessuto dotato di un fitto pelo, liscio e lucente. Può essere realizzato in cotone, seta, lana o materiali sintetici. 

Il velluto di cotone, anche detto velvet, ha proprietà isolanti che lo rendono caldo e confortevole. Nato in Inghilterra, è piuttosto versatile e si presta alla produzione di diversi tipi di capi, accessori e scarpe comode e giocose quali friulane e slippers.

Il velluto di lana ha un pelo morbido e compatto: la sua robustezza lo rende adatto soprattutto alla confezione di tendaggi e rivestimenti tessili d'arredo. Un tempo lo si utilizzava per i rivestimenti dei treni di lusso. Può essere scelto anche per confezionare capospalla morbidi e voluminosi.

Il nostro preferito è il velluto di seta: luminoso, liscio e brillante, lo trovate nella nostra Rugiada. Prodotto già nel '400 a Venezia - città di cui conserva innegabilmente l'eleganza - si è poi diffuso anche a Genova, dove era realizzato in una varietà particolarmente pregiata. Rimane ancora oggi un tessuto di pregio, scelto per la mano setosa e per il modo in cui riflette la luce, dando vita a intense ombre e soffusi bagliori. 

 

            

 

Il velluto di viscosa è un tessuto a pelo soffice che conferisce ai capi particolare morbidezza. Utilizzato spesso anche per cappelli e capospalla.

Il velluto può essere anche lavorato in modo da creare motivi più o meno complessi: questi saranno in rilievo nel velluto operato, "avvallati" nella lavorazione devoré, che trovate nella nostra fascia Amore.

 

                              

 

Infine, la ciniglia - che troverete presto nei nostri turbanti "Luce" - è un tessuto vellutato ottenuto mediante diverse possibili lavorazioni, a volte con la combinazione di due diversi materiali, quali cotone e seta, oppure fibre sintetiche. Nata negli anni '30, si è diffusa particolarmente nei '70, e oggi esiste in numerose varianti, quali quelle elasticizzate che abbiamo scelto per le nostre creazioni.

 


Condividi questo post



← Articolo più vecchio Articolo più recente →


  • Molto interessante! 😍

    Eleonora il

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati